06/04/09

Inermi davanti al futuro


L'armadio che vibra mi sveglia di colpo
e lei spaventata mi abbraccia e mi stringe,
faccio fatica ad alzarmi dal letto
e mi affaccio là fuori che c'è ancora la notte.
Un cane che abbaia
qualcuno che strilla,
torno di dentro ed è tutto finito,
ma c'è ancora qualcosa che vibra
qualche cristallo che suona impaurito,
poi squilla il telefono e tutto finisce.
Tanta paura che non trova ragione
oggi sappiamo cos'è ch'è successo
e tutta l'Italia col fiato sospeso
a cercar di capire perchè e per come
queste tragedie ci trovano inermi.
C'è chi ha perduto la vita
la casa, il lavoro,
c'è chi più non ha nulla
davanti al disastro.
E poi ci siamo noi
che abbiamo perso forse mezz'ora
di un sonno ripreso a fatica
coscienti di un rischio presente
ma inermi davanti al futuro.


Un pensiero ai nostri amici abruzzesi
in queste ore drammatiche.

2 commenti:

doyna ha detto...

Mi piace..Molto interessante

amaramara ha detto...

Non riesco a trovare le parole per esprimere il mio dolore,piango davanti alle immagini...il mio cuore oggi è con loro.