17/12/08

Il barcone che affonda

Vota Concorso Fotografico


Piove, ancora. L'acqua scorre,
poi si ferma davanti ad ostacoli d'ogni sorta.
Persino la barche che vi galleggiavano ora vi si oppongono,
trascinate lentamente verso un destino beffardo.
Uomini e mezzi contro gli elementi
per notti e giorni ininterrottamente.
Case, cantine e negozi allagati,
imprese in ginocchio per ogni dove,
nelle periferie lontane della capitale.
Nei luoghi dove s'era costruito ignari del pericolo
e dove il corso degli eventi s'era fermato.
Poi il sole e nuove speranze
dietro il cupolone.
Risorge la vita sotto il sole di dicembre.
Sarà solo un ricordo da dimenticare
o il motivo di un cambiamento radicale?
Le fontane tornano a brillare
davanti allo sguardo dei turisti.
Le bancarelle del Natale si riaprono
e si chiudono gli occhi dei politici.
E intanto Roma pare come la barcaccia
che, colpita, fa acqua da un lato
ma non affonda mai.

1 commento:

Raffaele ha detto...

Non affonderà mai quella illusoria immobile barcaccia perchè come quasi a tutelarla abbiamo messo il nostri cuore per tirarla alla bonaccia.
Affettuosamente
Raffaele
Carissimo Ferdinando il cuore tuo trova sempre quell'arte che è celata in ogni cosa.